Pinnato

SND Nuotatori Trentini propone corsi ed attività agonistica nella disciplina del Nuoto Pinnato che già lo scorso anno è stata fonte di orgoglio a seguito degli ottimi risultati ottenuti dai nostri atleti/e.

pinnato1

Questa disciplina, che attrae sempre più appassionati, avvalendosi di attrezzature specifiche come pinne, talvolta boccaglio e bombole, permette all’atleta di raggiungere in acqua  velocità decisamente più elevate rispetto al nuoto.

In Italia il Nuoto Pinnato viene promosso, regolamentato e disciplinato dalla FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) a cui SND è affiliata e, come nel nuoto, suddivide in categorie le varie attività come Promozione, come Master, come Agonismo anche di orientamento.

Il responsabile SND di settore è Sebastiano Dal Ben.   facebook_16

Gli allenamenti sono tenuti presso le Piscine di Trento Nord – Gardolo  e Manazzon di Trento con i seguenti orari:

Gardolo – Lunedì dalle ore 19.15 alle 21.00
Manazzon – Martedì e Giovedì dalle ore 18.00 – 20.00

Per ogni informazione non esitate a contattare le nostre segreterie 


PROGRAMMA GARE 2016

  • 17 Gennaio: 10° Trofeo Preganziol, 1^ prova del trofeo delle tre regioni
  • 31 gennaio: Memorial Tabanelli, Ravenna
  • 28 Febbraio: 3° Trofeo SND-Città di Trento, 2^ prova del trofeo delle tre regioni
  • 4-5-6 Marzo: Campionati Italiani Primaverili, Lignano Sabbiadoro
  • 3 Aprile: 3^ prova del trofeo delle tre regioni, san vito al tagliamento
  • 17 Aprile 4^ prova trofeo delle 3 regioni, Caldogno, Vicenza
  • 21-22 Maggio: campionati italiani di fondo
  • 27-29 Maggio: Pinnuotata della ghirlandina, Modena
  • 3-5 Giugno: Campionati italiani estivi

Pinnato2

Ecco una breve descrizione del “Pinnato

La disciplina del Nuoto Pinnato nasce tra i due conflitti mondiali negli ambienti militari ed in seguito si sviluppa come specialità sportiva tra i praticanti la pesca subacquea per l’affinità dell’attrezzatura utilizzata (maschere e pinne).
L’evoluzione della tecnica e delle attrezzature hanno assolutamente differenziato le due specialità, tanto da renderle incompatibili tra di loro.
L’avvento della monopinna, la cui evoluzione oggi comporta anche l’utilizzazione di sofisticati materiali, ha sancito anche il definitivo divorzio dal nuoto, interessando fasce muscolari completamente diverse ed utilizzando tecniche di allenamento specifiche.La disciplina sportiva, risulta altamente spettacolare ed è la più veloce in assoluto tra le attività natatorie, ad eccezione degli sport a motore.
Il movimento è assai spettacolare e si avvicina a quello del delfino. Le braccia sono distese in avanti per avere il massimo della idrodinamicità, la respirazione avviene attraverso un boccaglio posto frontalmente e le gambe si muovono in fasi ascendenti e discendenti, la cui spinta è paragonabile a quella di un fuoribordo di due cavalli. (fonte Fipsas).